Unico Persone Fisiche

Settimana conclusiva per UNICO 2016: la scadenza è venerdì 30 settembre

Per i contribuenti con periodo d'imposta coincidente con l'anno solare, scade venerdì 30 settembre il termine per la presentazione del modello UNICO 2016 relativo ai redditi 2015. Entro questa settimana pertanto tali contribuenti dovranno presentare in via telematica i modelli :

  • UNICO PF-SP-SC 2016,
  • IVA ANNUALE 2016,
  • IRAP 2016,
  • 2 -5-8 per mille (può esprimere la scelta di destinare le quote dell’Irpef anche chi è esonerato dall’obbligo di presentare la dichiarazione dei redditi)
  • CNM ( Per la tassazione di gruppo di imprese controllate residenti e di stabili organizzazioni di imprese controllate non residenti e i soggetti ammessi alla determinazione dell’unica base imponibile per il gruppo di imprese non residenti )
  • Presentazione da parte degli eredi della dichiarazione dei redditi dei contribuenti deceduti nel 2015 o entro il 31 maggio 2016.

Si ricorda inoltre che il contribuente che ha regolarmente presentato il modello 730/2016 entro i termini previsti (7 luglio 2016, ovvero 22 luglio per i contribuenti che hanno fruito della proroga quest'anno), ma successivamente si è accorto di aver commesso alcuni errori od omissioni nella predisposizione del modello la cui correzione o integrazione comporti un risultato a suo favore o favore del fisco, ha la possibilità di presentare:

  • il modello UNICOPF 2016 → entro il 30 settembre 2016;
  • il modello 730/2016 integrativo→ entro il 25 ottobre 2016.

 

Il software di controllo

Prima di procedere all'invio delle dichiarazioni, gli intermediari abilitati  devono controllare telematicamente la correttezza formale dei modelli tramite il software messo a disposizione dell'Agenzia delle Entrate. In particolare, il software permette di rimediare a errori, omissioni, dimenticanze nella compilazione di UNICO (o degli Studi di settore). A seconda della gravità dell'anomalia riscontrata, il software può scartare o meno la dichiarazione, infatti:

  • in caso di lieve anomalia →viene segnalato un solo asterisco ed è possibile procedere con l'invio della dichiarazione;
  • in caso di grave anomalia→ vengono segnalati 3 o 4 asterischi ed è impossibile procedere con l'invio della dichiarazione in quanto viene scartata.

Sanzione per omessa dichiarazione

I contribuenti che non rispettano la scadenza del 30 settembre hanno la possibilità di rimediare al massimo entro 90 giorni, (cioè entro il 29 dicembre 2016).
Per la regolarizzazione, ci si può avvalere del ravvedimento operoso, beneficiando della riduzione ad un decimo del minimo della sanzione ordinaria (da 250 a 2.000 euro) qualora, entro 90 giorni, venga presentata la dichiarazione omessa e venga versata una sanzione pari a 25 euro.