Pensioni

Proposta INPS: ricalcolo contributivo per le pensioni d’oro

L’INPS ha elaborato una proposta in un documento intitiolato "Non per cassa ma per equità", presentata al Governo,  per un riordino delle prestazioni assistenziali,  che già sta facendo molto discutere. Si tratta in sostanza di una redistribuzione generale delle risorse previdenziali e assistenziali  che comprende   assegno di inclusione per gli over 55 , prestazioni flessibili collegate all’uscita anticipata , e ricalcolo dei vitalizi dei politici  e dei sindacalisti . La proposta, afferma l’INPS, va beneficio dei contribuenti attuali e futuri in quanto riduce il debito pensionistico implicito. Nello specifico  si parla di  ricalcolo  con il sistema contributivo per circa 250 mila assegni molto elevati e 4000 vitalizi per cariche elettive che potrebbero fornire la copertura finanziaria per un reddito minimo garantito  pari a 500 euro  ad ogni famiglia con  almeno un componente over 55 . Si parla anche di uno stop alla rivalutazione delle pensioni oltre i 3500 euro  da mantenere fino al momento in cui la stessa cifra sarebbe stata raggiunta utilizzando il metodo di calcolo contributivo. Ancora si propone  l'unificazione gratuita delle pensioni maturate in regimi diversi. Per il momento la risposta del premier Renzi è stata molto fredda ,  pare che dopo aver  evitato il tema  nella Legge di stabilità,  ancora oggi  prevalga il timore che  un intervento sulle pensioni possa influire negativamente sulla  fiducia degli italiani nella ripresa.