Attualità

Premio dipendenti: ferie da escludere dice l’Agenzia

E' stata pubblicata ieri dall'Agenzia delle Entrate  la Risoluzione n. 18 che rispondendo ad un interpello fornisce importanti precisazioni sulle modalità di calcolo del premio di 100 euro ai  dipendenti  che hanno continuato a recarsi al lavoro in azienda invece che utilizzare lo smart working, previsto dal decreto Cura Italia del 17 marzo scorso . Molte le precisazioni , anche in contrasto con quanto diffuso in precedenza  dall'INPS. 

Vediamo in sintesi le nuove indicazioni:

  • in generale le assenze dal posto di lavoro riducono il premio: questa indicazione differisce dalla circolare INPS e anche dalla precedente circolare n. 8 dell'agenzia  quindi in caso di  assenze per ferie , malattia , permessi, smart working , l'importo di 100 euro dovrà essere proporzionalmente ridotto ,  facendo il rapporto tra giorni "lavorabili" nel mese e giorni effettivamente lavorati in azienda.  Questo infatti era il dettato normativo  del DL 18-2020. Viene quindi abbandonata la precedente indicazione che prevedeva il calcolo sulla base delle ore lavorate, molto piu oneroso. Per la definizione dei giorni da considerare  come lavorativifa fede i contratto collettivo o individuale applicato  
  • in caso di part time verticale rilevano le giornate di lavoro stabilite dal contratto individuale intercorrente tra l’azienda e il dipendente.
  • per il part time orizzontale invece il premio si calcola  per intero , ma sempre i giorni in cui il lavoratore è stato presente  nel luogo di lavoro . Nei casi di lavoratori che hanno due o piu contratti di lavoro part time  il dipendente lo riceverà una volta sola richiedendolo al datore di lavoro a scua scelta e autocertificando  il periodo lavorato presso l'altra azienda 

La risoluzione, che alleghiamo in fondo all'articolo, fornisce anche alcuni chiari esempi pratici di definizione del premio. Ne riportiamo alcuni:

Esempio 1 contratto full time
Un lavoratore, per effetto del suo contratto, lavora dal lunedì al venerdì, quindi, per  il mese di marzo avrebbe dovuto lavorare 22 giorni (“giorni lavorabili”).
Supponiamo che il lavoratore abbia goduto di 9 giorni di ferie dal 9 al 13 marzo e dal 16 al 19 marzo, mentre nei giorni 30 e 31 marzo abbia lavorato in smart working.
Ai fini del calcolo del premio spettante si dovrà, pertanto, tener conto che il soggetto ha lavorato presso la propria sede di lavoro 11 giorni sui 22 previsti.
Al lavoratore spetteranno, pertanto, 11/22 di 100, vale a dire euro 50. 

Esempio 2: contratto di part time orizzontale
Un lavoratore, per effetto del suo contratto, lavora dal lunedì al venerdì. In tale  ipotesi, ancorché per un numero di ore inferiore all’orario di lavoro ordinario, per il
mese di marzo i giorni lavorabili sono 22.  Supponiamo che il lavoratore abbia lavorato presso la propria sede di lavoro per  metà del periodo previsto (11 giorni), allo stesso spetterà l’importo di euro 50.

Esempio 3: contratto di part time verticale
Un lavoratore, per effetto del suo contratto, lavora dal lunedì al giovedì, quindi, per  il mese di marzo i giorni lavorabili sono 18 giorni.  Supponiamo che il lavoratore abbia lavorato presso la propria sede di lavoro per  tutto il periodo previsto (18 giorni), allo stesso spetterà il premio di 100 euro.

Allegati: