Commercio elettronico

La Corte dei Conti fa il punto sulla tassazione del commercio elettronico

La Corte dei Conti ha pubblicato sul proprio sito in data 7 giugno 2018 la Deliberazione 24 maggio 2018, n. 8/2018/G con la quale approva la relazione sull’“E-commerce e il sistema fiscale”, con all’oggetto una approfondita analisi sull’ evoluzione della tassazione diretta ed indiretta degli scambi attraverso la rete.
La relazione si snoda in sei capitoli  che prendono in esame tutte le problematiche inerenti il commercio elettronico facendo il punto della situazione attuale e delle prospettive future.
Attualmente infatti manca una normativa uniforme tra i vari stati e ogni paese cerca di porre rimedio alla situazione individualmente. Il problema infatti è quello di trovare un sistema organico per la tassazione degli scambi che avvengono attraverso le nuove tecnologie, sempre più slegate dal luogo fisico sia dell’imprenditore che del consumatore.
La relazione quindi dopo aver evidenziato l’evoluzione del commercio elettronico e il forte impatto avuto su tutti i principali settori dell’economia fa il punto sulla necessità di rimodulare la normativa fiscale internazionale, dell’unione europea e nazionale.
L’amministrazione italiana si è impegnata per combattere le principali fattispecie evasive ed elusive ma è necessario che l’amministrazione fiscale si doti di strumenti di analisi che consentano una valutazione quantitativa e un monitoraggio puntuale dell’evasione fiscale nello specifico settore, da considerare oramai un fattore di non secondario rilievo nell’ambito delle stime sull’ammontare delle entrate sottratte al bilancio pubblico. 
La Corte dei conti che svolge il controllo sulla gestione delle amministrazioni pubbliche, verifica la corrispondenza dei risultati dell’attività amministrativa agli obiettivi stabiliti dalla legge e valuta comparativamente costi, modi e tempi dello svolgimento dell’azione amministrativa.
La Corte dei Conti partendo dagli esiti della relazione presentata dal cons. Enrico Torri, che illustra un’indagine condotta in merito a “L’e-commerce e il sistema fiscale”, dopo aver consultato e condiviso i contenuti con i Ministeri economici, Guardia di Finanza, Agenzia delle entrate, ha deliberato di  approvare, con le modifiche apportate dal Collegio in camera di consiglio, la relazione concernente “L’e-commerce e il sistema fiscale”.

La delibera e la relazione saranno inviate, alla Presidenza del Senato della Repubblica e alla Presidenza della Camera dei deputati e alle amministrazioni interessate le quali dovranno ottemperare ai rilievi formulati, a meno che entro 30 giorni non ritengano di motivare l’eventuale opposizione.
Entro sei mesi le amministrazioni interessate dovranno comunicare alla Corte e al Parlamento le misure consequenziali adottate.
 

Allegati: