Versamenti delle Imposte

Iva e agricoltura, firmato il decreto sulle nuove percentuali di compensazione

Il ministro dell’Economia ha firmato il decreto sulle percentuali di compensazione IVA per il settore agricolo applicabili alle cessioni di prodotti lattiero-caseari e di animali vivi, che influenzano i pagamenti in scadenza oggi, 16 febbraio. Il decreto è stato registrato dalla Corte dei conti, ma non ancora pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale. Il decreto aumenta al 10%, con effetto dal 1° gennaio 2016, le percentuali di compensazione applicabili alle cessioni di latte fresco non concentrato né zuccherato e non condizionato per la vendita al minuto, esclusi yogurt, kephir, latte cagliato, siero di latte, latticello (o latte battuto) e altri tipi di latte fermentati o acidificati, oltre alle cessioni degli altri prodotti compresi nel n. 9) della tabella A, parte I, allegata al Dpr 26 ottobre 1972, n. 633, escluso il latte fresco non concentrato né zuccherato, destinato al consumo alimentare, confezionato per la vendita al minuto, sottoposto a pastorizzazione o ad altri trattamenti previsti da leggi sanitarie.