Dichiarazione 730

Integrativa “lunga”: ecco come usare il credito

Dichiarazione integrativa a favore oggetto di chiarimenti a Telefisco 2018. Com’è noto, oggi è possibile integrare una dichiarazione entro il termine per l’accertamento del periodo d’imposta oggetto di integrazione e l’unico limite delle integrative “ultrannuali” riguarda il momento di utilizzabilità del credito emergente dalle stesse.

L’Agenzia delle Entrate nel corso di Telefisco 2018 ha fornito chiarimenti sul tema, precisando che  il credito emergente dalla dichiarazioni integrative “ultrannuali” è utilizzabile in compensazione già a partire dal 1° gennaio dell’anno successivo a quello di presentazione delle medesime, non essendo necessaria la preventiva presentazione della dichiarazione annuale relativa al periodo d’imposta in cui è stata eseguita l’integrazione.

Attenzione: si ricorda la necessità di considerare l’eventuale effetto compensativo interno alla dichiarazione prima di procedere all’utilizzo del credito in compensazione esterna nel modello F24. Infatti, si deve considerare che il credito per effetto del riporto nella dichiarazione relativa all’anno in cui è avvenuta l’integrazione, partecipa alla liquidazione della relativa imposta, determinando, a seconda dei casi

  • un minore debito d’imposta (per effetto dello scomputo interno alla dichiarazione)
  • una maggiore eccedenza a credito.