Locazione immobili 2021

Locazioni: ripartiti i fondi 2021 del Fondo di sostegno per le famiglie in difficoltà

Con Decreto del Ministero delle infrastrutture n 21A04873 pubblicato in GU serie generale n 197 del 18 agosto 2021 vengono ripartiti secondo la tabella di seguito riportata le risorse complessive per il 2021 pari a 210 milioni di euro del Fondo Nazionale per il Sostegno all'accesso alle abitazioni in locazione, in particolare per l'importo di 50 milioni di euro a valere sulle risorse previste dall'art. 1, comma 234,della legge 27 dicembre 2019, n. 160 e per l'importo di 160 milioni di euro a valere sulle risorse previste dalla legge 30 dicembre 2020, n. 178.

Ripartizione della disponibilità anno 2021 di 210 milioni di euro

Regioni

Coefficienti di riparto %

Riparto in euro

Piemonte

7,75876

16.293.389,78

Valle d'Aosta

0,59906

1.258.018,56

Lombardia

16,21757

34.056.902,23

Veneto

7,23550

15.194.548,83

Friuli Venezia Giulia

2,21659

4.654.837,74

Liguria

3,59912

7.558.159,04

Emilia-Romagna

8,28586

17.400.305,73

Toscana

6,63713

13.937.979,02

Umbria

1,94342

4.081.184,85

Marche

2,64138

5.546.899,48

Lazio

10,68257

22.433.391,98

Abruzzo

2,10420

4.418.822,06

Molise

1,06797

2.242.739,93

Campania

9,88629

20.761.217,92

Puglia

5,96939

12.535.726,80

Basilicata

1,25995

2.645.899,87

Calabria

2,26842

4.763.688,71

Sicilia

7,19361

15.106.586,70

Sardegna

2,43319

5.109.700,77

Totale

100,00000

210.000.000,00

Come si accede al Fondo sostegno locazioni

Le   regioni,  stante  il   perdurare  dell'emergenza   COVID-19, attribuiscono ai comuni le risorse assegnate, con procedura  di urgenza,   anche  secondo  le  quote a  rendiconto  o programmate  nelle  annualità  pregresse  nonché  per  l'eventuale scorrimento delle graduatorie vigenti  del  Fondo  nazionale   di  cui all'art. 11 della legge  9   dicembre  del  1998,   n.  431.  

I comuni, sulla base delle risorse loro assegnate e nel rispetto dei requisiti minimi stabiliti dal decreto del  Ministro   dei  lavori pubblici del 7 giugno 1999, definiscono la graduatoria tra i soggetti in possesso di detti requisiti.

Attenzione va prestata al fatto che al  fine  di  rendere  più agevole  l'utilizzo  delle  risorse assegnate al Fondo nazionale per il sostegno alle locazioni anche  in  forma  coordinata  con  il  Fondo  destinato  al sostegno  degli   inquilini  morosi   incolpevoli, è confermato l'ampliamento della platea dei beneficiari del Fondo, come  stabilito dall'art. 1, comma 4, del decreto ministeriale 12 agosto 2020,  anche ai soggetti in possesso  di  un   indice  della  situazione economica equivalente  non superiore a  35.000,00  euro che  presentino  una autocertificazione nella quale dichiarino di aver subito, in ragione dell'emergenza COVID-19,  una  perdita  del  proprio reddito  IRPEF superiore al 25% fermi restando i criteri   già adottati nei  bandi regionali. 

E' bene sottolineare che il decreto stabilisce che la riduzione del reddito può essere certificata:

  • attraverso l'ISEE corrente 
  • o in alternativa, mediante il confronto tra  le  dichiarazioni fiscali 2021/2020. 

I contributi concessi non  sono cumulabili con la quota destinata  all'affitto  del  cd.   reddito  di cittadinanza.

Pertanto i  comuni, successivamente alla erogazione dei contributi, comunicano all'INPS la lista dei beneficiari, ai fini della compensazione sul reddito  di cittadinanza per la quota destinata all'affitto. 

Leggi anche Blocco sfratti e nuova proroga con doppia scadenza nel Sostegni 1

Allegati: