Agevolazioni per le Piccole e Medie Imprese

Fondo imprese creative: da oggi via alle domande

Il Decreto Direttoriale del 30 maggio 2022 MIDE contiene le modalità attuative del Fondo per le PMI creative.

Come sinteticamente specificato dall'avviso MISE del 1 giugno la compilazione delle domande di agevolazione sarà possibile a partire:

  • dalle ore 10.00 del 20 giugno 2022, per gli interventi per la nascita, lo sviluppo e il consolidamento delle imprese creative previsti dal Capo II del decreto 19 novembre 2021, 
  • e a partire dalle ore 10.00 del 6 settembre 2022, per gli interventi per la promozione della collaborazione tra imprese creative e soggetti operanti in altri settori previsti dal Capo III del decreto 19 novembre 2021.

si precisa che le domande compilate potranno essere inviate:

  • rispettivamente a partire dalle ore 10.00 del 5 luglio 2022, per gli interventi per la nascita, lo sviluppo e il consolidamento delle imprese creative 
  • e a partire dalle ore 10.00 del 22 settembre 2022, per gli interventi per la promozione della collaborazione tra imprese creative e soggetti operanti in altri settori.

Ricordiamo che il Decreto del Mise del 19.11.2021 è stato pubblicato in GU del 02.02.2022 n. 27.

Come aveva annunciato il Ministro Giorgetti Le imprese culturali e creative rappresentano un settore chiave per lo sviluppo del nostro Paese, che però ha molto sofferto durante l’emergenza Covid. E’ tra i nostri impegni prioritari sostenere queste attività che puntano a valorizzare quelle che sono in molti campi le eccellenze del nostro Made in Italy, favorendo un rilancio del settore sia in termini economici ma anche di opportunità per i numerosi giovani che investono nelle loro idee e nella creatività”.

In particolare, il Fondo per le piccole e medie imprese creative istituito presso il Ministero dello Sviluppo Economico, vuole promuovere nuova imprenditorialità e lo sviluppo del settore, attraverso:

  • contributi a fondo perduto, 
  • interventi di sostegno nel capitale sociale 
  • finanziamenti agevolativi da destinare all’acquisto di macchinari innovativi, servizi specialistici, finalizzati anche alla valorizzazione di brevetti.

Attenzione al fatto che per la misura sono disponibili risorse pari a 20 milioni di euro per ciascun anno 2021 e 2022, per un totale di 40 milioni di euro.

Fondo imprese creative: le attività interessate dalle agevolazioni

In particolare, potranno accedere a queste agevolazioni tutte le attività d’impresa dirette allo sviluppo, alla creazione, alla produzione, alla diffusione e alla conservazione dei beni e servizi che costituiscono espressioni culturali, artistiche o altre espressioni creative e, in particolare, quelle relative

  • all’architettura, 
  • agli archivi, 
  • alle biblioteche, 
  • ai musei, 
  • all’artigianato artistico, 
  • all’audiovisivo, compresi il cinema, la televisione e i contenuti multimediali, 
  • al software, 
  • ai videogiochi, 
  • al patrimonio culturale materiale e immateriale, 
  • al design, 
  • ai festival, 
  • alla musica, 
  • alla letteratura, 
  • alle arti dello spettacolo.

SCARICA QUI LA TABELLA DEI CODICI ATECO BENEFICIARI