Attualità

CIG in deroga per Trento e Bolzano

L'INPS ha pubblicato il 17 aprile il messaggio 1658 con le istruzioni per la presentazione delle domande di cassa integrazione in deroga con causale “Covid-19” per le Province autonome di Trento e Bolzano,  previste dal decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18/2020.

Le procedure telematiche per la presentazione delle domande di cassa integrazione in deroga delle aziende operanti nelle Province autonome di Trento e Bolzano sono disponibili in una prima versione provvisoria che consente la presentazione della domanda ma sarà successivamente modificata in alcuni dettagli. 

Come per il resto del territorio nazionale,   si tratta della tutela riservata  ai datori di lavoro del settore privato, ivi inclusi quelli agricoli, della pesca e del terzo settore compresi gli enti religiosi civilmente riconosciuti, per i quali non trovino applicazione le tutele previste dalle vigenti disposizioni in materia di sospensione o riduzione di orario, in costanza di rapporto di lavoro

Puo essere richeista dalle aziende le cui unità produttive  siano ubicate sul territorio delle predette Province autonome e unicamente per periodi di sospensione o riduzione dell’attività lavorativa decorrenti dal 23 febbraio 2020 al 31 agosto 2020, per una durata massima di nove settimane.

Le risorse finanziarie sono state trasferite ai rispettivi Fondi di solidarietà bilaterali del Trentino e di Bolzano-Alto Adige,  ai quali viene  inoltrata la domanda per l'autorizzazione  .  I datori di lavoro dovranno comunque  accedere al sito dell’Istituto, tramite PIN dell’azienda o del consulente, ed accedere al servizio “Cig e Fondi di solidarietà” > “Invio domande di assegno ordinario e formazione”.

La modalità di pagamento da selezionare è  “direttamente dall’INPS”.

Nella scelta della prestazione da richiedere dovrà essere selezionato il tipo prestazione “005 Covid-19_Assegno ordinario” e il Tipo fondo “Fondo Trentino” o “Fondo Bolzano”. Nella compilazione della domanda, nel Quadro C, allo spazio Tipo causale, dovrà essere selezionata la causale per deroga:

92 “92-TRENTO-Deroga-COVID” o

93 “93-BOLZANO-Deroga-COVID”, a seconda che si tratti di prestazione che insista sulla provincia di Trento o di Bolzano.

La causale per la deroga sarà attiva solamente per i Fondi Trentino e Bolzano-Alto Adige e dovrà essere selezionata esclusivamente 

L'istituto avvisa che si tratta di una prima versione della procedura per la presentazione delle domande in cui è obbligatorio allegare un file in corrispondenza della scelta della scheda causale, dove l’azienda potrà allegare l’accordo aziendale, ove necessario  oppure l’accordo quadro. Vi compaiono ancora alcune dichiarazioni di responsabilità  sulle ferie pregresse e sull’anzianità lavorativa che saranno rimosse nel successivo rilascio della procedura a regime.

Dovrà essere allegato obbligatoriamente il file csv, compilato con tutti i dati degli addetti all’unità produttiva. Il file di esempio denominato “AddettiAssegnoOrdinario.csv” è scaricabile in area “download” della procedura di invio domande.