Nautica da diporto

Canoni concessioni marittime demaniali 2022: aggiornati gli importi minimi

Viene pubblicato in GU n. 34 del 10 febbraio 2022 il Decreto del Ministero delle infrastrutture del 13 dicembre 2022 che aggiorna  le misure unitarie dei canoni per le concessioni demaniali marittime.

In particolare, le misure unitarie dei canoni annui relativi alle concessioni demaniali marittime sono aggiornate,  per l'anno 2022, applicando l'adeguamento del 7,95% (sette virgola novantacinque  percento)  alle misure unitarie dei canoni determinati per il 2021.

Le misure unitarie aggiornate costituiscono la  base di calcolo per la determinazione del canone da applicare:

  • alle concessioni demaniali marittime rilasciate o rinnovate a decorrere dal 1° gennaio 2022,
  • alle concessioni in vigore anche se rilasciate precedentemente al 1° gennaio 2022.

A decorrere dal 1° gennaio 2022 la misura minima di canone, (fissata ai sensi del comma 4 dell'art.  100 del decreto-legge 14 agosto 2020, n.140, convertito dalla legge 13 ottobre 2020, n. 126) di euro 2.500 è aggiornata a euro 2.698,75 (data appunto dalla somma di euro 2.500 ed euro 198,75, ossia il 7,95% dell'importo minimo)

Attenzione al fatto che la nuova misura minima di euro 2.698,75 si applica alle concessioni per le quali la misura annua di canone dovesse risultare inferiore al limite minimo.

Ricordiamo che la tariffa minima è stata prevista in attesa degli aggiornamenti disposti dell'articolo 1, comma 677,  lettera  e) della legge 30 dicembre 2018,  n. 145, che prevede la revisione e l'aggiornamento dei canoni demaniali posti a carico dei concessionari, che tenga conto delle  peculiari attività  svolte dalle imprese del settore, della tipologia dei beni oggetto di concessione anche con riguardo alle  pertinenze, della  valenza turistica.