Rubrica del lavoro

Bonus Formazione 4.0: proroga in Legge di Bilancio

La legge di bilancio 2020 ha prorogato il bonus formazione 4.0 inizialmente istituito dalla legge 205/2017 manovra 2018)   con un nuovo stanziamento di risorse per  150 millioni .   Si tratta   di un bonus sotto forma di credito di imposta per le attività di formazione dei lavoratori dipendenti   nell'ambito delle tecnologie digitali  e innovatite  previste dal piano nazionale impresa 4.0, (big data e analisi dei dati, cloud, fog computing, cyber security, sistemi cyber-fisici, prototipazione rapida, sistemi di visualizzazione e realtà aumentata, robotica , manifattura additiva, internet delle cose e delle macchine e integrazione digitale dei processi aziendali.

 L'agevolazione  viene anche modificata:

  • non piu necessaria la  previsione  delle attività di formazione attraverso i contratti collettivi aziendali o territoriali
  • cambiano i massimali  del credito di imposta rispetto alle spese ammissibili complessive 

Su quest'ultimo punto in particolare si prevede :

  • per le piccole imprese un massimale del 50% sulle spese ammissibili   con  limite massimo annuale di 300mila euro;
  • per le medie imprese massimale del 40%  su spese ammissibili, con limite massimo annuale  fino a 250mila euro
  • per le  grandi imprese, massimale del  30% delle spese ammissibili, nel limite massimo annuale di 250mila euro.

L'incentivo puo anche raggiungere il 60% delle spese previste, con massimale invariato,   se le  attività di formazione  riguardano lavoratori svantaggiati o ultra svantaggiati

Sono ammesse tutte le imprese, a prescindere dalla forma giuridica, dal settore economico e dal regime contabile adottato, purche non "in difficoltà"  .

La nuova legge di bilancio esclude anche le aziende oggetto di  sanzioni interdittive in base al Dlgs 231/2001 e non in regola con le normative sulla sicurezza  e con gli obblighi di legge in materia contributiva, previdenziale, assistenziale.