Rubrica del lavoro

Amianto: chiarimenti INAIL sulle prestazioni una tantum

Il D.M. 4 settembre 2015, pubblicato in data 12 ottobre 2015, ha fissato la misura e le modalità di erogazione della prestazione una tantum a favore dei malati di mesotelioma riconducibile ad esposizione non professionale all’amianto, stabilendo che "in via sperimentale per gli anni 2015, 2016 e 2017 l’INAIL eroga ai malati di mesotelioma che abbiano contratto la patologia o per esposizione familiare a lavoratori impiegati nella lavorazione dell’amianto ovvero per esposizione ambientale comprovata, la prestazione assistenziale di importo fisso pari a euro 5.600,00 da corrispondersi una tantum, su istanza dell’interessato".

La circ. Inail n. 76 del 2015 fornisce le prime istruzioni per l’erogazione della prestazione in parola, individuando il capo di applicazione, la prestazione e le modalità.  Inoltre, precisa che il diritto in questione può essere esercitato dal soggetto avente diritto a far data dal 1° gennaio 2015, nell’ipotesi di decesso dello stesso avvenuto successivamente alla predetta data, la prestazione una tantum può essere corrisposta agli eredi, su richiesta degli stessi, solo nell’ipotesi in cui il de cuius abbia presentato la necessaria istanza prima della morte.