Accertamento e controlli

La prova nelle indagini bancarie spetta al contribuente

La Corte di Cassazione, con sentenza n.1439 del 25 gennaio 2006, ha ribadito che in tema di accertamenti bancari, l’art.32 del DPR n.600/73 comporta l’inversione dell’onere della prova e di conseguenza incombe sul contribuente dimostrare che i redditi accertati non esistono o rivestono altra natura.

Inoltre l’inesattezza dell’Ufficio nel qualificare i versamenti, non pregiudica la legittimità dell’accertamento.

Nessun articolo correlato