Base imponibile

Irap e avvocati dipendenti di pubbliche amministrazioni

L’Agenzia delle Entrate ha chiarito che sono esclusi dall’applicazione dell’Irap le somme corrisposte dal Comune agli avvocati dipendenti.
Le somme in discorso non costituiscono compensi professionali in quanto sono percepite dagli avvocati a fronte di una attività esercitata sulla base di un rapporto di lavoro dipendente e rappresentano parte della loro retribuzione.
Non si realizzano pertanto, in relazione a tali situazioni, i presupposti per l’applicazione dell’IRAP in capo agli avvocati dato che, ai sensi degli articoli 2 e 3 del D.lgs n. 446 del 15.12.1997, i lavoratori dipendenti non sono assoggettati al tributo, come evidenziato peraltro anche nella delibera n. 34 della Corte dei Conti.

Il presupposto per l’applicazione dell’IRAP, nella fattispecie rappresentata, si realizza, invece, nei confronti del Comune contemplato, quale pubblica amministrazione, tra i soggetti passivi di detta imposta, dagli articoli 2 e 3 comma 1, lettera. e-bis), del d.lgs. 446 del 1997.


OGGETTO: Istanza di Interpello – Comune di … – IRAP – compensi avvocati dipendenti – decreto legislativo 15 dicembre 1997 n. 446.

Allegati:

Nessun articolo correlato