Dichiarazione 730

Dichiarazione precompilata 2017: il punto sulle modalità di accesso

L’Agenzia delle Entrate con Provvedimento del 7 aprile 2017 n. 69483, illustra le modalità con cui, a partire dal 18 aprile 2017 (la data ordinaria del 15 aprile cade di sabato, e anche il 17 è una giornata festiva), i contribuenti o i soggetti delegati possono prendere visione del modello 730 predisposto dall’amministrazione finanziaria.

Ricordiamo che a partire dall’anno di imposta 2016 l’Agenzia delle entrate inserisce nella dichiarazione 730 precompilata i dati dei seguenti oneri detraibili e deducibili, trasmessi da soggetti terzi:

  • quote di interessi passivi e relativi oneri accessori per mutui in corso;
  • premi di assicurazione sulla vita, causa morte e contro gli infortuni;
  • contributi previdenziali e assistenziali;
  • contributi versati per gli addetti ai servizi domestici e all’assistenza personale o familiare;
  • spese sanitarie e relativi rimborsi;
  • spese veterinarie;
  • spese universitarie e relativi rimborsi;
  • contributi versati alle forme di previdenza complementare;
  • spese funebri;
  • spese relative agli interventi di recupero del patrimonio edilizio e agli interventi finalizzati al risparmio energetico.

L’Agenzia delle entrate, inoltre, utilizza ai fini della elaborazione della dichiarazione precompilata i dati relativi alle spese da ripartire su diverse annualità desumibili dalla dichiarazione presentata dal contribuente per l’anno precedente.

In allegato il testo del provvedimento e:

  • Allegato A – Specifiche tecniche per la trasmissione telematica delle Comunicazioni di richiesta delle Dichiarazioni Precompilate 2017
  • Allegato B – Specifiche tecniche per la fornitura delle Dichiarazioni Precompilate
  • Allegato 1 – Elementi a base della dichiarazione precompilata per l’anno di imposta 2016
Allegati: