Determinazione Imposta IRES

Quali interventi fanno usufruire del credito di imposta “Art bonus” 2020?

Nelle dichiarazioni dei redditi 2020, riferite all’anno di imposta 2019, è possibile usufruire del credito d’imposta previsto per le erogazioni liberali a sostegno della cultura. Il credito, entro determinati limiti reddituali, è riconosciuto nella misura del 65%.

Il credito di importa deve essere indicato nella dichiarazione dei redditi 2020 nelle seguenti sezioni:

  • Per le Persone Fisiche nel Rigo CR14 della dichiarazione dei redditi
  • Per le Società di capitali e di persone nel Rigo RF17
 
In particolare a professionisti, imprese e persone fisiche spetta il credito d’imposta per le erogazioni liberali per gli interventi riepilogati di seguito:
  • interventi di manutenzione, protezione e restauro di beni culturali pubblici;
  • sostegno degli istituti e dei luoghi della cultura di appartenenza pubblica

    • musei,
    • biblioteche,
    • archivi,
    • aree e parchi archeologici,
    • complessi monumentali
    • delle fondazioni lirico-sinfoniche
    • dei teatri di tradizione delle istituzioni concertistico-orchestrali,
    • dei teatri nazionali,
    • dei teatri di rilevante interesse culturale,
    • dei festival, delle imprese e dei centri di produzione teatrale e di danza, nonché dei circuiti di distribuzione;
  • realizzazione di nuove strutture, restauro e potenziamento di quelle esistenti di enti o istituzioni pubbliche che, senza scopo di lucro, svolgono esclusivamente attività nello spettacolo.
A decorrere dal 19 ottobre 2016, il credito d’imposta spetta anche per le erogazioni liberali effettuate a favore (art. 17 del DL n. 189 del 2016):
  • del Ministero dei beni delle attività culturali e del turismo per interventi di manutenzione, protezione e restauro di beni culturali di interesse religioso presenti nei comuni interessati dagli eventi sismici del 2016, anche appartenenti ad enti ed istituzioni della Chiesa cattolica o di altre confessioni religiose;
  • dell’Istituto superiore per la conservazione e il restauro, dell’Opificio delle pietre dure e dell’Istituto centrale per il restauro e la conservazione del patrimonio archivistico e librario.
Attenzione: per le erogazioni liberali per le quali è riconosciuto il credito d’imposta non spettano le deduzioni di cui all’art. 100, comma 2, lettere f) e g) del TUIR.
 

Nessun articolo correlato